CHIAMACI ORA

Siamo a Gioia del Colle (Bari) e a Martina Franca (Taranto)

Numero Verde 800 912361
divider

Fumo e impianti dentali


/ 0 Commenti /

fumo e impianti dentali

Nella nostra ventennale esperienza abbiamo potuto constatare che la maggior parte dei problemi ai denti dei nostri pazienti sono derivati dal fumo di sigaretta. Il tabacco consumato per anni con una certa frequenza determina dei danni alle gengive spaventosi. Il calore sprigionato dalla sigaretta insieme agli elementi tossici contenuti in essa come la nicotina determinano un riassorbimento dell’osso e delle gengive.

Con gli anni (non molti) i denti si allungano, si spostano e diventano mobili. Inizia la cosiddetta “parodontite”. Un evento questo che terrorizza e costringe anche il paziente più riottoso a rivolgersi dal dentista. Se ci si trascura e si continua a fumare i denti iniziano a muoversi e lentamente a cadere (piorrea). Il consiglio è quello di smettere o quanto meno di ridurre al minimo il numero delle sigarette.

Quando i denti a causa del fumo non ci sono più cosa si può fare?

Per i pazienti fumatori accaniti la dentiera potrebbe essere l’unica soluzione ma per chi ha smesso o ha intenzione di smettere di fumare alla protesi rimovibile potrebbero esserci delle alternative come l’implantologia a carico immediato. Molto spesso chi ha perso i denti a causa del fumo ha perso anche molto osso per cui non è facile poter inserire gli impianti e quindi tornare ad avere dei denti fissi. Nel nostro studio utilizziamo una tecnica particolare che prevede di inserire pochi impianti nell’osso residuo. Questa è la tecnica implantare All on four.

Come funziona la tecnica All on 4?

Attraverso un’analisi preliminare vengono individuati i canoni estetici più idonei per ripristinare un sorriso naturale. Mediante una radiografia 3D ed un software particolare si individuano i siti implantari evitando fastidiosi rialzi di seno mascellare o innesti ossei. Successivamente, senza aprire le gengive come invece avviene per l’implantologia tradizionale, si inseriscono 4 impianti e si rileva un’impronta. L’impronta degli impianti appena inseriti viene poi trasferita ad un laboratorio odontotecnico il quale in poche ore costruirà una protesi fissa provvisoria. La protesi fissa viene avvitata sugli impianti (carico immediato).

Due mesi dopo, a osteointegrazione avvenuta degli impianti, si procede con la costruzione della protesi fissa definitiva.

Con questa tecnica è possibile tornare a sorridere nel giro di poche ore a patto però di aver detto addio alla odiata, amata per alcuni, sigaretta.

Il fumo può danneggiare gli impianti?

Per lo stesso motivo per cui il fumo danneggia i denti fino a causare la loro perdita così il fumo può determinare problemi agli impianti dentali. Questi problemi possono andare da una semplice gengivite, ad una perimplantite (infiammazione dei tessuti attorno all’impianto) fino alla perdita dell’impianto stesso e della protesi fissa avvitata su di esso. Il consiglio è quello di non fumare o di ridurre il fumo a pochissime sigarette al giorno. Ovviamente è fondamentale fare delle visite di controllo periodiche e un’igiene professionale almeno semestrale.


Argomenti correlati


Se vuole ci contatti per ulteriori informazioni o per un appuntamento ad uno dei seguenti recapiti telefonici: +39 080.3483891 (Gioia del Colle – Bari);+39 320.7513223 (Martina Franca – Taranto);  numero verde800.912361. Oppure compili gentilmente i campi qui sotto, in modo da avere le necessarie informazioni per contattarla nel più breve tempo possibile e fissare il suo appuntamento con il nostro studio. Nel corpo del messaggio, se vuole, specifichi il suo problema e le eventuali richieste terapeutiche. Grazie.

separator

Condividi