Numero verde 800912361
Numero Verde 800 912361
divider

Casi Clinici : PRIMA e DOPO

separator

Prima e dopo orizzontale

In questa pagina troverai alcuni casi clinici di protesi fissa tipo toronto bridge su impianti dentali documentati e fotografati PRIMA e DOPO. Se lo vorrai (te lo consiglio) potrai approfondire le varie fasi di lavoro a partire dal giorno della prima visita fino a quando consegniamo la protesi fissa. Potrai così farti un’idea su come si possa tornare a sorridere in poco tempo nonostante la situazione di partenza sia molto compromessa.

dr. Leonardo Resta

 

Caso clinico 1 PRIMA e DOPO

.

Paziente donna di anni 62 portatrice di protesi fissa in ceramica con evidenti problemi di natura estetica dovuti alla malattia parodontale dei suoi denti ormai definitivamente compromessi.

La paziente non voleva una protesi mobile (dentiera) neanche di tipo provvisorio.

Si opta pertanto per la tecnica “All on six” con carico immediato. Dopo un’accurata analisi estetica computer guidata si procede nella stessa seduta all’estrazione dei denti e all’inserimento contestuale di sei impianti Nobel Biocare senza aprire le gengive e senza alcun punto di sutura.

Dopo poche ore viene applicato un provvisorio fisso in resina a carico immediato.

Dopo l’osteointegrazione degli impianti (circa due mesi) si realizzano i monconi in zirconia di colore bianco da avvitare sugli impianti. Su questi monconi viene cementata la protesi fissa in zirconia-ceramica (tipo toronto bridge) priva di metallo e quindi completamente estetica. Senza le classiche opacità grigie che caratterizzavano invece i lavori tradizionali.

Foto n. 1-2: caso iniziale

radiografia opt per toronto bridge

Foto n. 3-4: estrazione denti naturali compromessi ed inserimento di sei impianti

Foto n. 5-6: provvisorio fisso (avvitato) in resina

Foto n. 7-8: monconi in zirconia avvitati sugli impianti

Foto n. 9: lavoro in zirconia-ceramica (metal free)

Foto n. 10-11-12: lavoro ultimato e cementato

Toronto bridge in zirconia ceramica

Protesi fissa (tipo toronto bridge) in zirconia ceramica)

 

Caso clinico 2 PRIMA e DOPO

.

 Paziente di anni 58 anni con denti naturali non più recuperabili.

Foto n.2: aspetto radiografico iniziale

Si decide di eliminare tutti i denti presenti in cavo orale tranne due elementi inferiori. Si opta pertanto per una protesi fissa (tipo toronto bridge) superiore con la tecnica ALL ON FOUR Nobel Guide ed una protesi mobile inferiore con due attacchi sulla dentatura residua.

Foto n.3 e 4 si può vedere il mascellare superiore 3 giorni dopo aver inserito 4 impianti senza incidere le gengive.

Foto n.5: l’aspetto radiografico dopo il posizionamento degli impianti


Foto n.6 e n.7: la protesi fissa prima dell’applicazione in cavo orale

Foto n.8: protesi fissa superiore in situ

Foto n.9: caso ultimato insieme alla protesi mobile inferiore

Caso clinico 3 PRIMA e DOPO

.

Paziente 69 anni con protesi dentale mista (mobile e fissa superiore ed inferiore) ormai compromessa.

Foto n.1-2-3-4: situazione di partenza

Si opta per l’estrazione completa di tutti i denti in quanto compromessi e il contemporaneo inserimento di 6 impianti superiori e 4 impianti inferiori.

Foto n.5-6 si vedono il mascellare superiore e inferiore dopo le estrazioni e l’inserimento degli impianti senza dover applicare alcun punto di sutura.

Foto n. 7-8: protesi fissa in metallo resina inferiore e superiore

Foto n. 9-10: protesi fissa in metallo resina inferiore e superiore nel cavo orale

Foto n. 11: visione radiografica del caso finito

Foto n.12: visione completa del caso ultimato

Caso clinico 4: PRIMA e DOPO

.

Paziente di anni 50 con una protesi superiore mobile con ganci su cinque denti non più recuperabili.
La situazione era tale che per eseguire una protesi su impianti convenzionali avrebbe dovuto effettuare il rialzo del seno mascellare.

In accordo con il paziente si è optato, mediante l’ausilio dell’implantologia computer assistita, per l’inserimento di soli 4 impianti di cui due inclinati che evitassero il seno mascellare (foto n. 7)
Dopo soli 3 giorni viene fabbricata una protesi che sarà avvitata sui 4 impianti.

Foto n. 1-2-3: caso iniziale

Foto n. 4: aspetto dei tessuti 3 giorni dopo l’intervento

Foto n. 5-6 protesi fissa superiore su quattro impianti

Foto n 7-8: caso ultimato

Caso clinico 5 PRIMA  e DOPO

.

Paziente di anni 47 con problemi evidenti sia all’arcata superiore che all’arcata inferiore. Terrorizzato dall’esperienza con i dentisti precedenti motivo per cui lo aveva portato a trascurare la sua salute orale. Si opta per una protesi fissa estetica superiore in zirconio ceramica  (metal free) su denti naturali e una protesi inferiore a carico immediato (tipo toronto bridge) su impianti contestuale alla rimozione dei denti. Viene adoperata la tecnica computer assistita “All on Six” quindi senza punti di sutura, senza dolori e gonfiori post operatori.

 Caso INIZIALE

 Caso iniziale arcata superiore

 Caso iniziale arcata inferiore

 Pianificazione al computer dell’arcata inferiore

 Inserimento implantare virtuale

 Inserimento implantare reale; senza aprire le gengive

 Protesi in Zirconia – Ceramica (metal free)

 Protesi in Zirconia – Ceramica (metal free) in bocca

 Limatura denti naturali sup. per protesi fissa tradizionale

 Protesi fissa in Zirconia – Ceramica (metal free)

Protesi in Zirconia – Ceramica (metal free) in bocca

 Caso INIZIALE

Caso FINALE (i denti naturali residui sono stati sbiancati)

Caso clinico 6 PRIMA  e DOPO

.

Paziente di sesso maschile della provincia di Lecce di 64 anni che da 25 anni circa porta una protesi rimovibile totale (dentiera).

Foto n. 1-1bis-2: caso iniziale

Foto n. 3-3bis-4: Dopo aver ricevuto, da diversi dentisti della sua zona, pareri negativi sulla possibilità di passare ad una protesi fissa il paziente si rivolge al nostro studio. Decidiamo di applicare con la chirurgia computer assistita, minimamente invasiva, sette impianti in titanio

Foto n. 5: Dopo poche ore dall’intervento viene avvitata una protesi fissa provvisoria che porterà per due mesi

Foto n. 7-8: Superate le otto settimane necessarie all’integrazione degli impianti, già caricati con la protesi fissa provvisoria, viene realizzata la protesi fissa definitiva (tipo toronto bridge)in metallo ceramica. I fori della figura 6 verranno chiusi con materiale estetico e saranno perfettamente mimetizzati.

Caso clinico 7 PRIMA  e DOPO

.

Paziente maschio di 65 anni portatore, nell’arcata superiore, di vecchia protesi fissa su denti pilastro ormai persi e nell’arcata inferiore di protesi scheletrica rimovibile. Si opta per l’estrazione dei denti superiori e l’inserimento, con la chirurgia computer assistita senza dolori e punti di sutura, di impianti in titanio.

Foto n. 1-2-3-4-7: caso iniziale

Foto n. 5-6: Nel giro di 24 ore viene avvitata sugli impianti una protesi fissa provvisoria superiore

Foto n. 9-10-11: Dopo 8 settimane si procede con la realizzazione di una protesi fissa definitiva in zirconia ceramica per tutta l’arcata superiore e di una protesi fissa definitiva in metallo composito sul lato destro dell’arcata inferiore

Foto n. 11: I denti residui dell’arcata inferiore (lato sinistro) sono stati curati e recuperati

Caso clinico 8 PRIMA e DOPO

.

Paziente maschio di 60 anni portatore di protesi fissa superiore incongrua nella zona anteriore e una protesi rimovibile con ganci nella zona posteriore.

Foto n. 1-2-3: caso iniziale

Foto n. 4: Si decide di eliminare i denti pilastro non più idonei e di inserire tramite l’implantologia moderna otto impianti

Foto n. 5-6: Il caso viene ultimato con una protesi fissa in metallo ceramica (tipo toronto bridge) avvitata su impianti

Foto n. 6: I denti inferiori, consumati dalla vecchia protesi superiore,sono stati sbiancati e ricostruiti in composito

Caso clinico 9 PRIMA e DOPO

.

Paziente di 59 di sesso femminile si rivolge alla nostra attenzione in quanto insoddisfatta del suo ponte fisso nell’arcata superiore per via del bordino nero. Mancavano anche dei denti poi integrati con l’implantologia tradizionale. Abbiamo sbiancato i denti e deciso di ricostruire in composito e non ricoprire (per ragioni economiche) i denti naturali usurati sia nell’arcata superiore che nell’arcata inferiore. Il ponte superiore in metallo ceramica con il margine scuro è stato sostituito con un altro ponte fisso in zirconia ceramica cioè senza la presenza del metallo (free metal).

Foto n. 1-2-3-4: fasi intervento eseguito

Caso clinico 10 PRIMA  e DOPO

.

Medico di Taranto di 61 che da 22 porta una protesi mobile superiore

Foto n. 1-2-3-4: caso iniziale

Foto n. 5: Lamenta problemi funzionali e soprattutto estetici che per il lavoro che svolge non sono più tollerabili. Decidiamo di inserire 6 impianti con la tecnica indolore e senza punti di sutura. Applichiamo subito dopo l’intervento, fatto in anestesia locale, una protesi fissa superiore

Foto n. 5-6: Dopo due mesi procediamo con la realizzazione di una protesi fissa definitiva (tipo toronto bridge) in metallo ceramica avvitata su impianti

Caso clinico 11 PRIMA e DOPO

.

Paziente di sesso maschile di 46 anni affetto da parodontopatia diffusa in seguito a fumo eccessivo e soprattutto fobia del dentista che lo ha portato a perdere precocemente molti dei suoi denti naturali e ad utilizzare una protesi mobile per molto tempo.

fumo e parodontite

Radiografia iniziale

danni del fumo ai denti

1) vecchia protesi rimovibile; 2) dima radiologica; 3) dima chirurgica; 4) provvisorio immediato fisso

dima radiologica e dima chirurgica

Inserimento di 4 impianti senza incidere le gengive

Impianti all on four

Tecnica All on Four per evitare il seno mascellare (disegnato in rosso)

Evitato seno mascellare

Toronto bridge in metallo ceramica (arcata superiore)

toronto all on four arcata superiore

Protesi parziale rimovibile nell’arcata inferiore. Si decide di lasciare lo spazio tra i due incisivi inferiori per rendere più naturale la riabilitazione

toronto superiore e protesi rimovibile inferiore

Lavoro ultimato

toronto bridge in ceramica

Caso clinico 12 PRIMA e DOPO

.

Paziente di sesso maschile di 43 anni affetto da parodontopatia e classica fobia del dentista che lo ha portato a trascurare la sua salute orale per molti anni.

situazione iniziale

Il paziente presentava ponti fissi su denti mobili nell’arcata superiore ed inferiore

situazione iniziale 2

 

 

Nell’arcata superiore vi era un impianto in corrispondenza dell’incisivo centrale non più utilizzabile nella futura protesi fissa in quanto non rientrava nel progetto virtuale.

opt iniziale

Caso risolto con una protesi fissa nell’arcata superiore in metallo ceramica su 5 impianti. Si rimanda in futuro la riabilitazione definitiva dell’arcata inferiore.

caso finito

Radiografia di controllo.

opt finale


Ci contatti per un appuntamento GRATUITO ad uno dei seguenti recapiti telefonici: +39 080.3483891 (Gioia del Colle – Bari);+39 320.7513223 (Taranto e Lecce);  numero verde800.912361. Oppure compili gentilmente i campi qui sotto, in modo da avere le necessarie informazioni per contattarla nel più breve tempo possibile e fissare il suo appuntamento gratuito con il nostro studio. Nel corpo del messaggio, se vuole, specifichi il suo problema e le eventuali richieste terapeutiche. Grazie.

Si prega di lasciare vuoto questo campo.

Il tuo nome*

Il tuo cognome*

La tua email*

Il tuo telefono cellulare*

Città*

Scegli la sede dello studio*

Richiesta appuntamento: il tuo messaggio

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03

*campi obbligatori


Link correlati


separator

Condividi

Studio Dentistico Resta located at Via Dante Alighieri, 78 , Gioia del Colle (Bari), Puglia . Reviewed by 15 Recensioni rated: 5 / 5

Ciao, sono Federica!

Se hai qualche domanda da fare scrivi pure qui. Ti ricordo che i nostri studi sono a Gioia del Colle (Bari) e Taranto.
Come da Codice Deontologico non rilasciamo preventivi generici online!

Si prega di lasciare vuoto questo campo.

* Accetto la Privacy di questo sito

Se vuoi una risposta più veloce lasciaci il tuo numero di cellulare

*campi obbligatori